Le figure specialistiche

Per lavorare all'interno del porto è necessario seguire un preciso percorso formativo professionale, dato che la maggioranza delle mansioni previste non è possibile ritrovarla altrove.

I principali esempi di figure professionali specialistiche:  

Addetto al rizzaggio (lasher)
La figura professionale addetta allo svolgimento dei cicli produttivi in ambito portuale rientra nella categoria di operaio.
Agisce in collaborazione con altre figure professionali all'interno di un ciclo produttivo; deve possedere quindi conoscenze sull'intero processo aziendale.
Svolge l'attività lavorativa in spazi molto ristretti (es. coperte full container, stive, ciglio panchina) all'interno dei quali si muovono mezzi operativi terrestri, carichi sospesi e materiale di rizzaggio.
Deve conoscere le procedure, i mezzi e le attrezzature per l’esecuzione delle pertinenti operazioni di sbarco ed imbarco degli autoarticolati da/su traghetti, dei contenitori da/su navi specializzate full containers o tradizionali, delle auto da/su navi specializzate in roll-on/roll-of o tradizionali.  

Deckman
Il deckman ha un ruolo fondamentale nel ciclo di sbarco/imbarco perché ha il compito di presiedere allo sbarco/imbarco dei contenitori  prestando nel contempo attenzione alla struttura nave in modo da non pregiudicarne l'integrità.
Deve presiedere allo sbarco/imbarco contenitori controllando l'assetto della nave e segnalare all'Ufficiale di bordo l'eventuale correzione.
Deve segnalare al manovratore della gru di banchina il cattivo funzionamento delle luci e dei segnalatori acustici per la segnalazione dello spostamento delle gru; deve coadiuvare i rizzatori nello svolgimento del loro lavoro, salendo quando necessario con essi anche ai tiri superiori.
L'attività lavorativa si svolge in spazi ristretti (es. coperte full container, stive) all'interno dei quali si muovono addetti al rizzaggio e sopra le quali si muovono mezzi operativi (QC gru di banchina), carichi sospesi e materiale di rizzaggio.  

Checker Vessel
La figura professionale addetta allo svolgimento dei cicli produttivi in ambito portuale rientra nella categoria di operaio. Agisce in collaborazione con altre figure professionali all'interno di un ciclo produttivo; deve possedere quindi conoscenze sull'intero processo aziendale.
L'attività lavorativa del Checker Vessel si svolge principalmente in banchina dove transitano mezzi operativi quali ITV e addetti ai twist lock sopra i quali operano le QC.
Per quanto riguarda le modalità di svolgimento del lavoro, il checker vessel ha un ruolo fondamentale anche nell'effettuare il controllo su 4 "livelli":

1)     dei pedoni, in passaggio sulla banchina, vietandone lo stesso al di sotto di carichi sospesi o sulle vie di corsa delle gru di banchina;

2)     delle gru lungo i binari della banchina: si mantiene incontatto radio con il manovratore della gru, dando a questo il consenso via radio per lo spostamento;

3)     dei contenitori: controlla l'etichettatura IMO, segnalando eventuali colaggi, danni evidenti, perdite e anomalie quali: mancanza di etichette sui quattro lati o la presenza su cntrs non IMO;

4)     delle luci e degli avvisatori acustici  segnalando al Foreman e al manovratore delle gru di banchina il loro cattivo funzionamento.

L'attività lavorativa si svolge in banchina sottobordo o in banchina verificando che  l'afflusso e il deflusso dei contenitori sottobordo avvenga nei tempi e nei modi previsti dai piani di sbarco/imbarco.  Il Checker Vessel può essere dotato di un'attrezzatura elettronica denominata "palmare".